LABORATORIO DI STORIA, ARCHEOLOGIA E TOPOGRAFIA DEL MONDO ANTICO

 

 

PREMIO "G. NENCI"

 

 

 

 

 

Nel 2000, in base alla convenzione stipulata tra la Scuola Normale Superiore e la Ditta “Donnafugata S.r.l.” è stato istituito il premio “Giuseppe Nenci”, per onorare la memoria del Prof. Nenci. Il premio , a cadenza annuale, è assegnato alla migliore tesi di laurea, di specializzazione o di dottorato dedicata a problematiche storico-archeologiche della Sicilia Occidentale, con particolare riferimento all’area elima. Al concorso possono partecipare coloro che abbiano discusso una tesi di laurea, dottorato o specializzazione non prima di due anni solari a decorrere dallla data di scadenza del bando.


Clicca per visualizzare il bando 2004 (Richede Acrobat Reader)


Questi i vincitori delle scorse edizioni:

 

2000 Dott.ssa Donata Zirone

La tesi della dott.ssa Zirone prende in esame una questione lungamente dibattuta nella storia degli studi riguardanti Erice. Il problema è affrontato sia sulla scorta di analisi di materiale documentario d'archivio in parte inedito sia con l'indagine diretta su materiali di scavo scarsamente noti o studiati finora in misura insufficiente. Su queste basi la dott.ssa Zirone formula ragionevoli e fondate ipotesi sulla possibile datazione del sistema murario di Erice, arrivando a delle conclusioni che, debitamente sviluppate, lasciano intravvedere la possibilità di una innovativa definizione storica del monumento nel quadro dello sviluppo dell'architettura difensiva delle città siciliane

 

2001 Dott.ssa Giulia Mancino

La tesi della dott.ssa Mancino prende in esame in modo sistematico la necropoli fenicia e punica di Palermo, affrontando le problematiche inerenti la definizione tipologica delle strutture tombali, la ricostruzione delle pratiche e dei riti funerari, l’inquadramento cronologico dei tipi tombali ed il quadro storico-culturale di riferimento. Essa offre inoltre un’ottima sintesi della lunghissima storia degli studi, avviata già nel ’700. I temi affrontati dalla dott.ssa Mancino sono trattati con rigore di metodo, che rivela un’ottima conoscenza della documentazione archeologica e della relativa bibliografia, nonché buone capacità di sistematizzazione della materia soprattutto per quel che riguarda la classificazione tipologica delle tombe ed il catalogo ad essa funzionale

 

2002 Dott.ssa Marilena Riccobono

La tesi della dott.ssa Riccobono prende in esame alcune classi di materiali della necropoli punico-romana di Palermo (amuleti, scarabei, specchi); vengono accuratamente descritte la tipologia, le tecniche di lavorazione e l'iconografia, tendando anche una interpretazione aggiornata dei significati che tali classi di materiali hanno in contesto funerario. Tali significati vengono analizzati nel quadro delle credenze antiche in forma innovativa, tenendo conto delle indagini più recenti. I temi affrontati dalla dott.ssa Riccobono sono trattati con buon metodo ed ampia informazione bibliografica

 

2003 Dott.ssa Alessandra Lazzaretti e Dott. Salvatore Fontana

La tesi di Dottorato della dott.ssa Lazzaretti prende in esame il testo del De Signis di Cicerone corredandolo con un ampio commento storico e archeologico. L’analisi si distingue per la vastità delle problematiche esaminate e per la completezza della bibliografia utilizzata, offrendo uno strumento di lavoro utile ed aggiornato.
La tesi di Laurea del dott. Salvatore Fontana prende in esame il territorio di Gibellina nell’intento di redigerne la Carta Archeologica. Il lavoro è ben impostato, condotto con buon metodo, e rivela una buona conoscenza di siti e di classi di materiali.